Brasile

Spesso i brasiliani dicono che vivono in un continente piuttosto che in un paese. Ed in parte non sbagliano, la superficie del Brasile è più grande di quella degli Stati Uniti, se si esclude l’Alaska. Per rendere meglio l’idea il viaggio da Recife a est fino al confine occidentale con il Perù è lungo come quello da Londra a Mosca. Il Brasile non ha montagne paragonabili alle vicine Ande, ma ha tutta la varietà paesaggistica e culturale che ci si aspetta da un così vasto paese. Nonostante l’enorme distesa degli interni, circa i due terzi della popolazione del Brasile vivono vicino alla costa e ben oltre la metà vive in città. Ecco alcune informazioni utili per viaggi e vacanze in Brasile.




Cosa Vedere in Brasile:
1. Pan di Zucchero – Rio de Janeiro
2. Parco Nazionale dei Lençóis Maranhenses
3. Paraty
4. Cascate dell’Ignazú
5. Porto de Galinhas
6. Arcipelago Fernando de Noronha
7. Olinda
8. Le spiagge di Maragogi
9. Il Pantanal
10. Búzios

Come arrivare in Brasile:
Tranne con alcune navi da crociera, l’unico modo per raggiungere il Brasile dall’Italia è in aereo. TAM, TAP e GOL sono le compagnie aeree che forniscono la maggior parte dei voli per e all’interno del paese. In linea di principio, la GOL è più economica della TAM, ma è sempre meglio confrontare le loro tariffe.

Come muoversi:
I bus in Brasile sono puliti, confortevoli, sicuri e puntuali. La rete di autobus è davvero ben organizzata ed è uno delle migliori scelte per il trasporto, anche perché sono particolarmente convenienti. Tuttavia per
le lunghe distanze il loro prezzo difficilmente compete con quello dell’aereo. Su distanze medie e lunghe, di solito si può scegliere tra tre tipi di autobus: convencional (senza aria condizionata o WC), executivo (con aria condizionata, bagni, sedili reclinabili e distributori di caffè acqua) e Leito (sedili in posizione quasi orizzontale, con cuscini e coperte), ma circa due volte più costoso del convencional.
In molte aree l’auto rimane il mezzo più piacevole e comodo di trasporto. In teoria, non si viaggia veloce in Brasile, il limite è di 80 km/h, e molti camion non sono facili da superare sulle strade strette.
Il treno praticamente è un mezzo di trasporto inesistente tranne per servire la periferia di Rio.

Quando andare:
Il Brasile è così vasto che è quasi impossibile definire il momento ideale per visitare il paese. Non c’è uno solo, ma diversi clima, a seconda della regione in cui si va. Il paese è situato nell’emisfero australe e le stagioni sono invertite rispetto alle nostre. I periodi migliori in base alle zone sono:
Nord-Est: da settembre a metà dicembre
Amazzonia: da giugno-luglio fino a ottobre (stagione secca)
Salvador de Bahia: da settembre a metà dicembre
Rio de Janeiro e sud del Brasile: da giugno a settembre (inverno australe)

Prezzi e costo della vita
Il costo della vita in Brasile è basso al di fuori delle principali località turistiche. Particolarmente ragionevoli sono i prezzi degli hotel, dei prodotti alimentari e dei viaggi in autobus, mentre la maggior
parte dei musei sono gratuiti.




Moneta:
La moneta brasiliana è il Real, in questi giorni il cambio è di 3,9 Reales per ogni Euro cambiato. È possibile effettuare molti acquisti anche con una carta di credito e prelevare dal bancomat o agli sportelli
bancari. La carta Visa è la più comune, seguita da MasterCard e Diners Club, attenzione alle frodi sulle carte di credito.

Energia Elettrica:
L’energia elettrica può variare, a volte è 110 V e a volte 220 V, dipende dai luoghi. Le prese hanno due spinotti rotondi, come nell’Europa continentale.

Documenti:
Gli italiani che si recano in Brasile per turismo o affari non hanno bisogno di un visto ma occorre avere un passaporto con 6 mesi di validità. La permanenza massima è di 90 giorni, prorogabili di altri 90 giorni. Comunque è necessario essere in possesso del biglietto di ritorno, inoltre in certi casi viene richiesta prova di avere le sufficienti risorse economiche.

Vaccinazioni:
Non ci sono vaccinazioni obbligatorie necessarie per entrare nel paese da Europa o Nord America (invece potrebbe essere necessario un certificato di febbre gialla se entrate da un altro paese sudamericano). Se vi trovate per un certo periodo di tempo o volete visitare le regioni più remote è meglio prendere alcune precauzioni.

Uffici:
Ambasciata del Brasile a Roma: Piazza Navona 14, Roma
Consolato Brasiliano di Milano: Corso Europa 12, Milano






Le cascate dell'Ignazú in Brasile

Le cascate dell’Ignazú in Brasile

Commenti chiusi